Blog

  • Home
  • Blog
  • Scoperta mano di bronzo vecchia 3500 anni

Scoperta mano di bronzo vecchia 3500 anni

  • di Ale Staderini Busà
  • 19 Set 2018 alle 9.35

Cronaca archeologica Ritrovamenti

Condividi:
Eccezionale scoperta archeologica nel Giura bernese: due privati hanno trovato una mano di bronzo con un braccialetto d'oro a Prêles, sopra il lago di Bienne. Potrebbe trattarsi della più antica scultura bronzea d'Europa, vecchia di almeno 3500 anni.

Accanto a questi reperti sono stati rinvenuti la lama di un pugnale di bronzo e una costola umana, databili, con il metodo del radiocarbonio, attorno al 1500-1400 avanti Cristo. Gli autori della scoperta, avvenuta nell'ottobre del 2017, hanno consegnato gli oggetti l'indomani al Servizio archeologico bernese.

Le prime ricerche evidenziano che nessun reperto simile è mai stato trovato in Svizzera, ma neppure in Francia e in Germania, indicano le autorità bernesi in una nota odierna. Per fissare la placca d'oro al polso della mano è stata usata una colla vegetale. Dalla datazione emerge che la costola umana è più giovane di un centinaio di anni rispetto agli altri reperti.

Una campagna di scavi archeologici sul luogo del ritrovamento ha permesso di portare alla luce una tomba contenente le ossa di un uomo adulto, in parte danneggiate a causa di recenti lavori. Nella sepoltura è stata trovata anche una fibula di bronzo, un ornamento per capigliatura e resti di oro. Sotto la tomba è stata scoperta una costruzione di pietra. Apparentemente l'uomo è stato inumato volontariamente sopra questa opera. Doveva trattarsi di un personaggio importante, sottolineano gli archeologi.

La mano scolpita è il reperto bronzeo più antico che rappresenta una parte del corpo umano. "Si tratta di un oggetto unico e di assoluto rilievo", precisa il servizio archeologico, che non conosce né quale significato avesse né la sua funzione. Sarà esposta al pubblico da oggi al 14 ottobre al Nouveau Musée di Bienne (BE).

Links and Media

Altri Articoli