Blog

  • Home
  • Blog
  • L'archeologia incontra l'arte contemporanea. Al via a Napoli il progetto Underneath the Arches

L'archeologia incontra l'arte contemporanea. Al via a Napoli il progetto Underneath the Arches

  • di SdR
  • 2 Apr 2018 alle 15.26

Eventi Tour

Condividi:
“Il progetto intende creare inattesi circuiti tra l’archeologia e l’arte contemporanea, patrimonio esistente e nuove produzioni, contesto locale e internazionale, e proporsi come ulteriore spazio di azione culturale in una città in grande fermento quale appunto Napoli si presenta in questo momento”. Con queste parole Alessandra Troncone – che ne è direttrice, assieme a Chiara Pirozzi – presenta Underneath the Arches, un nuovo programma per l’arte contemporanea che prenderà avvio nei suggestivi spazi dell’Acquedotto Augusteo del Serino, un sito archeologico di recente scoperta – 2011, con apertura al pubblico nel 2015 – che si trova al di sotto dello storico Palazzo Peschici Maresca nel quartiere Sanità a Napoli. Con una programmazione che vedrà artisti internazionali, più o meno established, invitati di volta in volta a concepire un’installazione temporanea site specific, in dialogo con il sito archeologico e con tutta l’area circostante.

Il ciclo si è aperto il24 marzo con Arturo Hernández Alcázar (Città del Messico, 1978; vive e lavora a Città del Messico), protagonista fino al prossimo 13 maggio della mostra Blind Horizon: un artista i cui lavori sono il risultato di operazioni sviluppate in relazione ai luoghi in cui interviene. “A partire da incontri che accadono nella città, in particolare nelle periferie e nei suoi depositi, l’artista trae frammenti, memorie, materiali di origine diversa assemblati in sculture e installazioni che attivano discorsi di natura sociale, politica ed economica”, come recita la presentazione. E Blind Horizon è il risultato di un periodo di residenza e di ricerca che ha visto Hernández Alcázar esplorare diverse zone di Napoli, a partire dal borgo Vergini-Sanità per arrivare alle aree vesuviane, ai Campi Flegrei e alle montagne del Serino, ripercorrendo idealmente l’antico percorso dell’acquedotto. Noi anticipiamo alcune immagini degli affascinanti spazi e del lavoro dell’artista…