Le nostre Attività

  • Esplorazioni

    Grazie all'esperienza pluri ventennale il Centro Ricerche Speleo Archeologiche può vantare un vasto curriculum di campagne di studio e attività, in collaborazioni con le più importanti istituzioni e organizzazioni di tutela dei beni archeologici. Per visualizzare le attività di studio più importanti, è stata creata una sezione dedicata, che riassume gli obiettivi e le attività più importanti svolte nel corso degli anni a sostegno della conoscenza e della valorizzazione del mondo archeologico sotterraneo.

    Leggi tutto

  • Visite GuidateLa nostra organizzazione per permettere a tutti di avvicinarsi al mondo della speleo archeologia e alla conoscenza del patrimonio archeologico sotterraneo, organizza sistematicamente, per i propri Soci, delle attività didattiche come convegni, simposi e visite guidate. E' possibile prendere visione del Programma o approfondire il nostro palinsesto, richiedendo delle visite o tour dedicati.

    Leggi tutto

Corso Speleo Archeologia

Corso Speleo ArcheologiaIscriviti al corso introduttivo di Speleo Archeologia per lo studio delle cavità  artificiali di interesse archeologico.

Leggi tutto

I nostri video

  • Corso di speleoarcheologia
  • Nemi - L'emissario del lago di Nemi
  • Corso di speleoarcheologia
  • Nemi - L'emissario del lago di Nemi

Focus

  • Fontana di Tor di Nona
    Fontana di Tor di Nona

    Fontana di Tor di Nona

    Il nome Tor di Nona deriva da un antico rudere delle mura aureliane che si trovava qui. Del rudere, che veniva chiamato Torre dell' Annona, non vi è più traccia.

Bibliografia

  • Archeo - 201211 - Novembre 2012

    Archeo - 201211 - Novembre 2012

    STORIE DA UN MONASTERO SCOMPARSO 
    Gli scavi di classe, presso Ravenna, fanno emergere uno straordinario racconto ambientato a cavallo tra antichità e medioevo: la nascita e la morte di una città, la vicenda di un oscuro vescovo – divenuto santo tra i più venerati – e i monumenti a lui dedicati, una comunità di monaci che ne eredita e custodisce la memoria.

    UGARIT, NELLA TERRA DI BAAL 
    “Era il 14 Maggio del 1929 e il sole stava già tramontando sul promontorio di Ras Shamra, quando ci imbattemmo in un gran numero di tavolette d’argilla coperte di caratteri cuneiformi. Avevamo trovato la biblioteca del palazzo! Ma, con nostro stupore, scoprimmo che la maggioranza dei segni riproduceva un linguaggio del quale nessuno aveva mai sospettato l’esistenza!”.

    RAME STAGNO E FANTASIA 
    Quella del bronzo è una storia plurimillenaria e universale. Che viene ora raccontata dalla rassegna allestita alla Royal Academy di Londra, dove sono approdati i più grandi capolavori di ogni tempo.

I Sotterranei

Esplorazioni