Teleferica della cementeria salvata dalle Belle Arti.

Torna a Notizie

Archeologia industriale.

Teleferica della cementeria salvata dalle Belle Arti  «È storia, non bisogna abbatterla»

La teleferica della Holcim è un esempio di archeologia industriale e almeno in parte andrà mantenuta.

La prescrizione viene dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio, chiamata a esprimersi in merito alla richiesta di demolizione presentata dalla stessa Holcim la scorsa primavera.

Il parere della Soprintendenza segna un punto a favore per coloro che vorrebbero valorizzare a fini turistici tralicci e carrelli utilizzati un tempo per trasportare la marna dalla cava di Pusiano alla cementeria di Merone passando per Erba ed Eupilio. La teleferica è ormai un elemento caratteristico del paesaggio erbese; lunga 6.300 metri, venne costruita dalla Badoni di Lecco a partire dal 1928. Tramontata l’epoca della cementeria, la Holcim si ritrova ancora con tralicci e carrelli da mantenere in sicurezza, un costo che non comporta più alcun ricavo: lo scorso 28 marzo la società ha presentato richiesta formale di «demolizione della teleferica ricadente sui Comuni di Merone, Erba, Eupilio e Pusiano e relativi manufatti».

  • Pubblicato: Mercoledì, 11 Ottobre 2017

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Esplorazioni