Acquedotti di Roma

Acquedotti di Roma
Ponte della Mola presso S. Vittorino (RM)

Il "Progetto acquedotti" nasce con l'ambizioso obiettivo di documentare, esplorare e ridisegnare il tracciato dei più importanti acquedotti che nell'antichità fornivano il supporto idrico all'Urbe. Ancora oggi infatti, dei chilometrici percorsi (alcuni superano i 90 km di lunghezza), pochissimo si conosce al punto che anche gli stessi tracciati sono ancora incerti. Questo è tanto vero quanto più ci si avvicina alla città ove, con il denso sviluppo edilizio, la morfologia del territorio è stata spesso stravolta, cancellando in superficie ogni traccia della presenza di questi importanti monumenti.
Il Centro di Ricerca Speleo Archeologico - Sotterranei di Roma è attivo in questo studio da oltre 10 anni, portando avanti numerosissime scoperte.

Cliccando sul nome di ogni acquedotto sarà possibile conoscere lo stato di avanzamento dell'attività, e le scoperte fino ad oggi effettuate, relativamente ad ogni singolo acquedotto:

AcquedottoCostruttoreAnnoLunghezzaArrivo a Roma
Appio Appio Claudio 312 a.C. 16,5 Km Circo Massimo (sud ovest)
Anio Vetus C. Dentato e F. Flacco 270 a.C. 63,5 Km Porta Esquilina (sud est)
Marcio Quinto Marcio Re 144 a.C. 91,3 Km Colle Quirinale (nord est)
Tepula Copione e Longino 125 a.C. 18 Km Porta Collina(nord est)
Iulia Marco Agrippa 33 a.C. 23 Km Porta Viminalis (nord est)
Vergine Marco Agrippa 19 a.C. 19,8 Km Campo Marzio (nord ovest)
Alsietino Augusto 2 a.C. 32,7 Km Trastevere (ovest)
Claudio Caligola e Claudio 52 d.C. 94 Km Porta Praenestina (sud est)
Anio Novus Caligola e Claudio 52 d.C. 86,9 Km sbocco con la Claudia
Traiano Traiano 109 d.C. 57 Km Colle Gianicolo (ovest)
Alessandrino A. Severo 226 d.C. 22 Km Pantheon, Campo Marzio

Esplorazioni